<< indietro
I racconti dello scontrino

Breve storia triste

di Matteo Bini
Nato e vissuto a Bologna, è laureato in Storia e Italianistica. Ama viaggiare, andare in moto, leggere e scrivere. Tra le altre cose è anche istruttore di arti marziali. Attualmente lavora come impiegato part time aspettando inutilmente il concorso pubblico per l'insegnamento. Ha anche una laurea in Economia, ma non ne va particolarmente fiero. Per lui la scrittura è bellezza, sfogo, arte, stile di vita.
Sto arrivando alla cassa, ho poche cose, mi metto in fila. Incrocio lo sguardo con la giovane cassiera e m’innamoro all’istante: occhi chiari, chioma bionda, labbra stupende, voce fresca e allegra. Le sorrido e lei ricambia. Il fascino dell’uomo adulto. “È fatta” penso. Avanzo con mosse sicure e spavalde, la guardo ancora, lei fa lo stesso. Ormai tocca a me. D’un tratto mi sorprende alzandosi in piedi; sono impreparato, forse vuole darmi il numero. Mi sorride ancora, addirittura si sporge, posso sentire il suo profumo. -Venga signore, venga che chiudo la cassa. Lei è l’ultimo!- dice adorabile. Mi ha chiamato “signore”. Fine