<< indietro
I racconti dello scontrino

Il miele rosa

di Emma Capulli

Emma Capulli nasce ad Ancona nel 1993, dopo il diploma si trasferisce a Bologna dove si laurea in Giurisprudenza. Attualmente frequenta una scuola di Cinema, si interessa di bioetica e scrittura narrativa.


Le basta un'occhiata al carrello della donna accanto a lei per capire che si tratta della nuova compagna dell’ex fidanzato. Greta non l’ha mai vista prima, ma la spesa ammassata nel carrello non lascia dubbi: trenta pacchi di stecchini, nove rotoli di spago, polpo crudo e un bottiglione di shampoo antiforfora. Ora è intenta a scegliere una vaschetta di gelato e Greta sa che prenderà il variegato all'amarena, perché un gusto diverso potrebbe turbare il quieto vivere domestico. Sono anni che non vede Leo, ma le sue fissazioni non sono cambiate. Greta non riesce a evitare di seguire la donna nelle ultime tappe rimaste, latte di mandorla e snack piccanti messicani. Arrivate alla cassa si mette in coda dietro di lei. Senza averlo pianificato, infila tra i prodotti appoggiati dalla donna sul ripiano scorrevole la piccola confezione di “miele rosa” che teneva in mano. Sono il tappo e l’etichetta a essere rosa, naturalmente, ma lei lo ha sempre chiamato così e Leo l’ha vista farci colazione tutte le mattine per tre anni. Greta si sente soddisfatta e un po' colpevole quando vede la donna infilare il piccolo barattolo nella propria busta, pagare, buttarsi indietro i capelli e uscire rapida dalla Coop. Chissà cosa avrebbe pensato Leo trovandosi di nuovo tra le mani un barattolo di “miele rosa”. Una volta salita in macchina Greta sospira, il giorno seguente non avrà miele per la colazione.