<< indietro
Una storia di cronaca

Il Nettuno ha preso vita? Si aspetta la consulenza del CICAP

di Roberta Cicchirillo

Sono nata l'otto marzo di 25 anni fa, a Bergamo. Di origini siciliane, vivo a Bologna per studio. Sono una laureanda in Italianistica e scienze linguistiche.

Bologna, ore 3.25. Questa notte due boati e una leggerissima vibrazione hanno interrotto il sonno degli inquilini che abitano nei dintorni di Piazza Maggiore. Dopo l’episodio, sono giunte tantissime segnalazioni al comando dei carabinieri di via Indipendenza, fra queste, due hanno dell’incredibile: dopo i forti boati, il Nettuno di Piazza Maggiore ha mosso gli arti con movimenti rotatori orari.
La signora P. abita in una casa la cui finestra si affaccia su via d’Azeglio, questa notte poco prima delle 3.25 si è alzata per bere dell’acqua, quando -come ci riferisce- ha sentito due forti rumori uno dopo l’altro; preoccupata, la donna si è affacciata alla finestra e ha visto la statua del Nettuno ruotare le braccia per tre secondi, per poi tornare alla solita posizione, immobile e ferma. Il fatto è stato confermato anche dal secondo testimone oculare, un panettiere che proprio in quei minuti stava entrando nella sua panetteria di via Rizzoli per iniziare il lavoro.
Da un’attenta analisi sul posto, effettuata dai carabinieri, è stato notato che qualcosa sia effettivamente successo: calcinacci e polvere sono stati ritrovati nelle vasche contenenti l’acqua della fontana che circonda il Nettuno.
I carabinieri stanno vagliando tutte le ipotesi circa le cause del boato e della, diciamo, agitazione del Nettuno, pertanto non escludono che il caldo di questi giorni possa aver causato una sorta di miraggio e ingannato così i due testimoni. L’unica cosa certa sono stati i boati, uditi da un gran numero di persone, e per i quali, per ora, non ci sono spiegazioni sulla causa: in un primo momento era stata avanzata l'ipotesi di una possibile esercitazione dell’aeronautica, poiché, molto spesso, i caccia rompono il muro del suono, provocando fenomeni analoghi al frastuono di questa notte. Tuttavia, come dichiara il comandante Alessio Pergole, quest’ultima ipotesi non ha trovato conferme. Per quanto riguarda invece i calcinacci è stato escluso qualsiasi tentativo doloso di danneggiare il monumento, in quanto il Nettuno non presenta segni nonostante i frammenti ritrovati nella vasca, la cui provenienza risulta ancora ignota.
 Sembrerebbe che il fatto sia avvolto nel mistero, tuttavia si aspettano le registrazioni di alcune telecamere a circuito chiuso della zona e la consulenza degli esperti del CICAP, per frenare ogni slancio sensazionalista. Per ora, il fatto inspiegabile sta facendo il giro della città e non solo: il Nettuno si è effettivamente animato per pochi istanti? Vero o falso, ad ogni modo, una folla oceanica si sta riunendo in Piazza Maggiore, attorno alla statua, per cercare delle risposte o sperare di vedere il Nettuno muoversi ancora una volta.