<< indietro
Una storia di cronaca

Ecco cosa significa essere giornalisti al giorno d’oggi

di Mihaela Raluca Bendrea

Sono una ragazza di 19 anni, e cerco di mettere i miei pensieri su carta. Come un cantante si esprime attraverso le canzoni, io cerco di esprimermi attraverso le parole sulla carta. Mi piace scrivere articoli di giornale e poesie. Spero un giorno di poter cambiare il mondo con le mie parole, rendendolo un posto migliore per le persone a venire.

Nella giornata del 9 maggio ho avuto l'opportunità di partecipare a uno dei tanti spettacoli mostrati quest'anno dall'associazione Vicino/Lontano. Questa rappresentazione dal nome "Il piacere della legalità? Mondi in confronto" si è svolta tutta la mattina al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Questa performance è stata un momento conclusivo di un corso di formazione rivolto a studenti e detenuti, sui temi dell'etica e della responsabilità. Gli studenti di diverse scuole di Udine hanno presentato i risultati del loro lavoro e si sono confrontati con testimoni che, anche a rischio della loro vita, hanno potuto difendere valori di coerenza, libertà e legalità.

La testimonianza che ha toccato di più è stata quella del giornalista Lirio Abbate, noto per aver condotto numerose indagini sulla mafia. A seguito di varie indagini su Cosa nostra, Lirio è stato quasi ucciso dalla mafia di Palermo. Quello che ha colpito di più è stato il discorso che ha fatto sui giornalisti, e che cosa significa essere giornalisti quando si trattano questi problemi.

Essere un giornalista al giorno d'oggi non è facile, soprattutto perché ci sono così tanti mezzi di comunicazione che stanno distruggendo il vero giornalismo, il vero modo di fare giornalismo. Fare giornalismo non significa cercare su Internet le notizie più accattivanti e proporle ai lettori sotto forma di nuove notizie. Fare giornalismo non significa inventare fatti che non sono mai accaduti o che non accadranno mai, solo per guadagnare fama e un alto livello nel rango dei giornalisti.

Fare giornalismo significa avere sete di nuove notizie vere, significa andare oltre anche quando non è permesso. Quando le porte ti si chiudono in faccia, bisogna imporsi e andare oltre. Bisogna oltrepassare il confine per arrivare al cuore della notizia, anche se questo vuol dire morire sul proprio territorio o su un territorio straniero. Essere un giornalista significa non avere paura di niente e di nessuno. In vista di una nuova notizia, significa lasciarsi tutto alle spalle e andare a conquistarla. Anche se ci saranno persone che diranno che è tutto inutile e non ne vale la pena, bisogna tapparsi le orecchie e fare di testa propria. Bisogna mostrare alla gente che sei tu che hai ragione e non loro. Questo significa fare giornalismo ed essere un giornalista.

Tantissimi giornalisti sono morti o hanno rischiato la propria vita per mostrare al mondo che avevano ragione. Persone come loro hanno fatto la storia, oltre ad aver lasciato qualcosa nei nostri cuori. Questo significa essere giornalisti.