<< indietro
Canzoni d'autore

Fissa le luci

di Francesco Tripaldi

Dopo quattro pubblicazioni in altrettante antologie di questo premio, mi candido ufficialmente a membro della giuria.

Fissa le luci,

le luci lì in cima,

le luci dietro la nuca.

 

In questi tavoli pieni

non ci si siede tra vivi

non si svuota l’attesa tra i bicchieri

tra intestini ciechi

come i nostri destini.

 

Fissa le luci dell’eruzione solare

le luci che affiorano

tra le pagine bianche dei taccuini

di coloro che amarono molte cose

senza amarne nessuna,

fissa le luci sulla mia pelle secca

la voce del mio ultimo pensiero buono

che si fa sparviero, portale, siero

che si fa spavento, altare, burattino.

 

Fissa le luci,

i 34 passaggi per creare un’esplosione,

il piano d’evasione

degli amanti clandestini

dalle gabbie toraciche altrui.