<< indietro
Canzoni d'autore

Non mi puoi piĆ¹ prendere

di Alberto Vallini

Alberto Vallini nasce a Modena nel novembre 1988. Figlio di genitori musicisti, è dotato sin dall’infanzia di una grandissima fantasia che lo portano già alle elementari a scrivere racconti e sinossi per ipotetici episodi delle sue serie preferite. Trascorre quasi 10 anni nel circuito musicale Hip Hop come rapper e autore di testi in italiano e inglese, poi, a 27 anni, ritrova la voglia e l’esigenza di comunicare le sue emozioni in un modo più ampio e diverso rispetto alla musica e inizia a cimentarsi con la scrittura cinematografica. Frequenta un corso di alta formazione per sceneggiatori cinetelevisivi a Roma tra il 2016 e il 2017, sotto l’egida di Arcangelo Mazzoleni (CSC, Rai-Script, Dino Audino) e Mariella Buscemi (Rai-Script, Magnolia, HBO), e da allora scrive: 2017 Soggetto e sceneggiatura corto Horror “Le Ombre di Sheila” (prod. House of Disaster, regia di Manuel Rocco); 2017 Concept di serie e sceneggiatura episodio pilota webserie Horror “No Escape” (prod. Antonio Barone e Paola Lanfranco, regia di Luca Salvi); 2017 Bibbia di serie e soggetto episodio pilota Serie TV Crime/Drama “La Rivincita di Napoli” (insieme a Luca Napolano) – attualmente alla ricerca di produzione; 2017 Soggetto e sceneggiatura film Horror “Un Horror Vero” – alla ricerca di produzione; 2019 Bibbia di serie e sceneggiatura episodio pilota Serie TV Drama/Action “Fight Club – La serie” – alla ricerca di produzione. Oltre alla scrittura per il cinema, nel 2016, il racconto futuristico distopico “Modena 2046” di Alberto Vallini è pubblicato nella raccolta di racconti “Modena domani” (AEM editori).

Sono in viaggio, Alpitour
Vogliono buttarmi giù
C'hanno i cannoni pronti, ricolmi di colpi, di rancore gonfi
Non aspettano altro che io tonfi, sti stronzi
Sabotatori interiori
Che mi dicono: lascia stare che gli altri son migliori
Rispetta i superiori, loro possono e tu no
Accontentati di quel che ti danno, che per te è già troppo
Sti omini godono a vedermi sotto
Ma non sanno che io sotto ci sto solo quando fotto e me li fotto
E me ne fotto, se avevano un disegno fatto apposta per me
Oops, ci ho rovesciato su un po' di caffè
Tanto vale che lo strappo e lo rifaccio
Mi dipingo il mio destino a piacimento e voi non c'entrate un cazzo!
Mi frega solo del sorriso di mia figlia
Per lei, sì, cambierei
Per te, fratè, che manco so chi cazzo sei
Un consiglio c'è: gira i tacchi e fatti mille miglia, lontano da me
 
NON CE LA FAI PIU'
A TENERMI BUONO
NON CE LA FAI PIU'
A DIRMI CHE COSA
DEVO FARE
DEVO DIRE
COME DEVO ESSERE (sai che c'è?)
NON MI PUOI PIU' PRENDERE
 
Tyler Durden dentro il mio DNA
Io mi butto, combatto, come andrà, chi lo sa
Il problema che han tutti in 'sta società
Èdi voler controllar, non si lasciano mai andar
Vivi una volta sola
Quindi fai ciò che ti piace
Sogni Malibu, su Google Street View, nelle ACER
Ti hanno detto che è impossibile e che gli dispiace
Non ti diranno mai che di far ciò che vuoi ne sei capace
Io dico "smetti di essere perfetto, smetti di essere completo,
smetti di indossare il completo,
La tua vita sta finendo minuto a minuto e non torna indietro!"
 
Rit.
 
Ormai il tuo tempo è andato
Ormai mi son svegliato
Ormai ho realizzato
Adesso so chi voglio essere
So la strada da prendere
Non ti offendere
Amico, ma non mi puoi più prendere!
 
Rit.