<< indietro
Poesia

Gli stessi anni

di Elisa Ragazzi

Ciao, sono Elisa Ragazzi, ho 30 anni e provengo dal piccolo borgo di Correggio, cantato anche da Ligabue, in provincia di Reggio Emilia. Non ho esperienze pregresse nel campo della scrittura, anzi questa è la mia prima volta, l'inizio di tutto. Il mio amore per la scrittura nasce per caso in un giorno di primavera quando un mio messaggio ha colpito al cuore una persona importantissima per me: la mia talent scout, anche sei lei non si vede così. Ha cominciato a scrivermi i suoi primi apprezzamenti, a volte anche commuovendosi. E da lei è nata questa idea di scrivere, è a lei che devo questo, è a lei che devo TUTTO. E così è nata questa passione, che è una valvola di sfogo, una esternazione del mio vissuto, dalle gioie ai dolori. Un modo per evadere da momenti difficili, a volte impossibili. Sto lavorando attualmente a un libro, molto autobiografico, che ha la pretesa di raccontare la mia vita, le mie salite e le mie discese ardite, per citare Battisti. Spero che questa esperienza possa rafforzare il mio percorso in questo mondo.

Gli stessi anni
Quanto è bella Parigi,
con la sua aria di cultura,
tra la torre di metallo
e il museo di arte.
Amo tanto Parigi,
con le sue vie di amore
e lo stadio in festa.
Sono arrivata a Novembre
e non me ne voglio
più andare.
Per questa sera
mi godo un concerto
in centro.
Ed ora che sono in mezzo alla musica,
spengo i pensieri e mi emoziono per bene.
Ci sentiamo domani
Ed in mezzo alla gente,
le luci si sono spente
ed inizia la musica.
Una mitraglia che spara
il terrore che avanza.
Ho paura mamma,
di non tornare più a casa,
di non potere nemmeno
più salutarti.
E la paura che ho dentro
lascia lo spazio
alla luce che ho visto.
Ed ora avrò gli stessi anni per sempre,
senza imparare e nemmeno ad amare veramente.
Scusami mamma!
Ed ora che tutto é finito
diventerò soltanto
un altro nome da guerra.
Ciao Mamma,
ricordati sempre
del mio sorriso ingenuo e
dei miei sogni
infranti.