<< indietro
Poesia

L'unica volta

di Sharon Laporta

Sono una Matrioska, non perché nata in qualche desolato ospedale sovietico, ma perché ballo la polka con mille nodi in gola e questi disastri emotivi prendono la forma a volte di racconti, a volte di pensieri-poesia. Sognatrice incallita, poetessa maleducata, preferisco la birra al vino, gli incantesimi d’amore alle maledizioni, adoro i timbri vintage, il gelato al puffo, le storie che parlano di posti accessibili a tutti e di tramonti pasticciati dalle mani dei bambini. Mi piace scrivere, creare e dare forma in qualsiasi modo alla mia immaginazione. Per il resto, qualche volta, canto.

L'unica volta

in cui ho goduto veramente

è stato quando

mi sei venuto

in mente.