<< indietro
Lettere d'amore

A Carola Rackete

di Chiara Tarabotti

Laureata in Musicologia, ex docente presso l'università degli Studi di Milano-Bicocca, Chiara Tarabotti dal 2006 lavora professionalmente in campo teatrale come regista, assistente alla regia e, negli ultimi anni, drammaturga. Ha firmato regie di opere liriche e di spettacoli di prosa, di cui è anche autrice. Ferrarese d'adozione ma milanese nel cuore, ama raccontare storie, aprire finestre e chiudere cerchi.

Carola,
ho tagliato le unghie corte, come sempre, perché le mie mani siano più efficaci nel dare.
Ho rasato i miei capelli, come un tempo, per non perdere più tempo con la vanità.
Ho dato mille baci a mio figlio, parlandogli di te, perché conosca il bene ed il male del mondo.
È amore, questo, che spariglia le carte in tavola e ci porta fuori, fuori da noi, fuori di casa, noi che una casa ce l'abbiamo, e comoda.
È amore, questo, nell'incontro con l'altro, che porta sempre all'incontro con noi stessi.
Perché alla fine è a noi stessi che dobbiamo rendere conto.
A te, ma, in fondo, a me.
Chiara