<< indietro
Poesia

Colei

di Jona Franchini

Sono curioso, ho diciotto anni, sono di Bologna e mi piace scrivere e pensare.

Non te ne accorgi forse, ma anche in questo momento lo sta facendo:

Sta andando avanti.

È quello che fa.                                      E tu non te ne accorgi.

Sembra una cosa così scontata, così logica e razionale che per assurdo arriva a negarsi da sola, diventando una delle incomprensioni umane più grandi.

Ammettiamolo: ci piace pensare di essere al centro, a tutti piace.

Ma lei va avanti.

E tu non te ne accorgi.

È quello che fa.                                   E tu non te ne accorgi.

Poi accade qualcosa: insolito irrazionale imprevedibile.

Ti fermi, rifletti.                                    Soffri.

Non ti accorgi che lei sta andando avanti.

Potrebbe capitare di tutto.

“Cascasse il mondo”.

E intanto tu soffri oltremodo. Il contatto con la realtà si fa labile.

Un solo pensiero dimora dentro il cranio:

Un Lutto che non dà pace.

Ma lei va avanti.

È quello che fa.                                E tu non te ne accorgi.

Leggi poesie, parli col prof, piangi la sera.

È un po’ come la Natura, ma non te ne avvedi. È triste pensarci, ma non si ferma, non piange per i figli caduti.

Paura, è quello che senti. Ce l’hai dentro, dietro.

Ci piace pensare che tutto abbia un senso.

Noi, stupidi razionali animali intellettuali pensiamo che tutto abbia una logica.

Per quale motivo?

Fama di onnipotenza, tracontanza faustiana e incolmabile.

Ma quel momento arriva, e fa malissimo.

Lei va avanti.                                           E tu te ne accorgi, stavolta.

Vorresti scendere dalla giostra, stomacato dal suo vorticoso moto perpetuo.

Fardello monotono e mutevole, grigia quotidianità inespressiva.

La verità è che non puoi farlo, devi stare su, lasciare che sia lei a decidere quando smettere di girare.

Perché lei va avanti.

È quello che fa.                                     E tu devi farlo con lei.

Inizi a renderti conto di quello che sta succedendo. Sensi di colpa, malinconia, voglia di morire.

Troppo complessa per capirne il senso.

Disorientamento consapevole: ne fai parte anche tu! Devi

farne parte!

Lei va avanti.

È quello che fa.                                  E ti rendi conto che l’hai sempre fatto con lei.

Ma ormai è tardi

Non si fermerà, non quando vorrai tu

 

Colei è quella che dona

Colei è quella che viene donata

Ha solo un compito, colei: andare avanti, conservarsi

E tu con lei! Perché non c’è tempo per esitare, contemplare, soffrire

Alzi la testa, getti lo sguardo altrove: vedi qualcosa?

La Vita va avanti, è quello che fa, e tu devi farlo con Lei.

Preferiresti non essertene mai accorto, mai.