<< indietro
Poesia

Ai sognatori folli

di Elisabetta Bulla

Elisabetta Bulla è una sognatrice a tempo pieno che si diletta a mettere nero su bianco le sue fragili emozioni. È una studentessa di Filosofia dall'inappagabile sete di indagare se stessa e di perseguire i propri desideri. Aspira alla cattedra, per ammaliare i suoi studenti ed educarli all'irrimediabile fascino dell'esistenza, forte del fatto che chiunque insegua i propri sogni con tenacia possa forgiare la propria vita all'altezza di qualunque aspettativa. Fortemente credente nelle future generazioni. Nata per prendere posizione e dissentire.

Errante cavalier mio,

Tu che ti armasti di inaudita audacia, sellasti il tuo fidato Ronzinante e partisti in nome della giustizia,

Tu che credesti ciecamente nei tuoi mille, e più, ambiziosi sogni, e combattesti per loro,

Tu che, incompreso dalle folle, difendesti i tuoi folli ideali, dando per essi la vita,

Tu che non ti facesti mai abbattere dalla sconfitta, che cadesti dal tuo ronzino e lo rimontasti, ancor più consapevole della bellezza di battersi per i valori in cui si crede fermamente,

Tu che perseguisti imperterrito il tuo solitario disegno di vita,

Tu che violasti qualsiasi legge scritta, rifiutasti di adeguarti alla realtà e seguisti unicamente ciò che la tua pazzia ti dettava,

Tu che salvaguardasti la tua libertà e ti afferrasti ad essa,

Tu che custodisti nel tuo cuore Dulcinea e le dedicasti ogni tua impresa,

Tu che errasti per la Castiglia inseguendo quelle irraggiungibili stelle che proteggevano i tuoi desideri, 

Ispirami

Quando perderò di vista l’obiettivo per il quale combatto, 

Affiancami 

Quando cadrò dal mio Ronzinante,

Porgimi un libro di cavalleria

Quando mi scorderò di sognare in grande e di perdere il senno per un ideale,

Illuminami 

Quando la realtà sarà troppo oscura, perché costituita di ingiustizie, inganni e compromessi,

Proteggimi

Quando errerò per il mondo, dinnanzi ad una vasta distesa di terra da percorrere, e combatterò contro coloro che cercheranno di fare a pezzi i miei, troppo ambiziosi, sogni,

Incoraggiami

Quando dimostrerò tutta la forza d’animo di cui sono capace, lottando per ciò in cui credo,

Educami

Alla follia,

All’amore,

Alla fede, 

Alla tenacia,

Alla ribellione,

Alla Vita.

Che tu, folle, sia per me lo sprone a non accontentarmi di una vita mediocre, a pormi continuamente in viaggio ed in sfida con me stessa, a diventare pazza,

Pazza di un ideale,

Di un sogno, 

Di un progetto,

Di un fiore sbocciato tra le crepe dell’asfalto,

Di un tramonto in riva al mare,

Di una persona di cui prendermi cura,

Di una stella che brilla nella notte.

Che tu possa infondermi la forza di difendere la mia prepotente fede nella fantasia,

Perché nessuno mi impedisca di sognare ad occhi aperti,

E di salire, gradino dopo gradino, quella ripida scala che porta al cielo, e girovagare lassù, 

Alla ricerca di quelle mille stelle che custodiscono gelosamente i miei sogni.

Che tu sia per me quel Cavaliere che tanto errò, tanto sognò ed ogni sua follia tanto amò.