<< indietro
Poesia

Lasciateci sognare

di Natalie Sclippa

Appassionata di storia, ma soprattutto di storie, amo scrivere perchè lo ritengo il miglior modo per comunicare. Studentessa di Scienze internazionali e diplomatiche, tento di trovare un metodo per coniugare scienza e giurisprudenza. Inguaribile entusiasta, cerco la felicità nelle piccole cose.

Basta: lasciateci sognare!

ad occhi aperti, di giorno, con il sole che ci illumina il volto;

in piedi, cerchiamo riscatto per noi stessi e per chi non ha voce.

Non toglieteci la speranza, la forza, la caparbietà,

fatevi da parte, ora che è giunto il nostro tempo.

 

È da troppo che aspettiamo, in fila, composti

riposti sugli scaffali dei vostri supermercati di delusioni

stipati dentro celle frigorifere.

Congelateci le mani, perché non riuscirete a farlo con il pensiero,

la nostra mente vaga e volteggia nell'aria,

si libra come una rondine.

 

Viva la libertà!

 

Cosa ne sapete, voi, di avere vent'anni adesso?

Non mi interessa com'era quando avevi la mia età,

voglio sbattere la testa e trovare uno sfogo alle mie necessità.

Sento nel profondo il desiderio di camminare sulla mia strada,

un passo dopo l'altro, acquistando il controllo delle mie potenzialità.

Rivoglio tornare in possesso della mia giovinezza,

studiare, leggere, essere parte del mondo e conoscerlo,

scalfire ogni mia certezza e plasmare nuove modalità di umanità.

 

Ma non comprendiamo nemmeno l'oggi,

troppe semplificazioni e modelli economici.

La felicità  non è quotata in borsa:

è una risata spontanea, un pianto liberatorio,

un urlo che fa eco dalla montagna.

 

Vogliamo essere protagonisti di un cambiamento che ci appartiene.