<< indietro
Poesia

Io sono piĆ¹ forte

di Rossella Mormile

Mi chiamo Rossella Mormile, sono nata il 6 luglio 1993 a Napoli e ho sempre vissuto a Bacoli, nel cuore dei Campi Flegrei. Sin da bambina sono stata molto fantasiosa e irrequieta, il mio sogno era diventare una scrittrice. Mi sono diplomata al liceo linguistico con votazione 96/100 e ho conseguito una laurea triennale in Lingue, Culture e Letterature moderne europee con votazione 110 e lode nel 2016. Nel 2015 ho vissuto e studiato a Parigi per cinque mesi dopo aver vinto una borsa di studio per il progetto Erasmus. Ho svolto diversi lavori, tra cui cameriera, insegnante di inglese in una scuola di formazione e guida turistica in un sito privato. Ho studiato teatro per due anni e ho varie passioni, tra cui la lettura, la scrittura, le serie TV, gli anime giapponesi e tutto ciò che riguarda il mondo fantasy.

Oggi, io sono più forte. 
Sono più forte degli scherzi del destino 
Sono più forte del buio 
Più forte della paura che scorre veloce nelle vene 
Anche più del dolore che alberga nel mio stomaco 
Che cammina tra le viscere battendo i piedi sul suolo della mia esistenza.
Oggi, io sono più forte. 
Sono più forte della morte che si presenta due volte a casa mia
Vestita di coraggio e strafottenza 
Ospite indesiderato che gioca a carte sul davanzale della mia finestra. 
Oggi, io sono più forte. 
Sono più forte delle porte chiuse lungo la strada
E di quelle spalancate che si chiudono quando le attraverso 
Sono più forte dell’orologio da polso della vita
Più forte dei demoni seduti comodi sui sediolini della mia schiena
Anche più dei volti poco attenti che vedono senza guardare.
Oggi, io sono più forte. 
Sono più forte della ruota del caso 
Che spesso si diverte a girare male
Sono più forte dei treni che non passano 
Più forte di quelli su cui non mi è permesso salire
Anche più dell’incertezza del futuro 
Delle delusioni appostate agli angoli del tempo che vivendo conoscerò. 
Oggi, io sono più forte.
Finché vivrò, che sia un minuto, un’ora o settant’anni 
Finché potrò ancora respirare l’odore del mare fuori al mio balcone
E sentire il sapore del caffè per le scale
E camminare per strade non asfaltate 
E indossare emozioni che non ho mai provato 
E vedere le sfumature che colorano le coincidenze
E avvertire le stilettate della sofferenza
E ridere o piangere per le gioie intense
E stupirmi dei piccoli particolari che solo io e alcuni passanti possiamo notare
E lasciare che l’ispirazione folgori l’animo piantando al suo interno un fiore tiepido
Che sboccia quando le parole sfiorano pagine di libri mai scritti e poesie mai recitate
Io sarò più forte.