<< indietro
Poesia

Crescendo

di Valentina Confuorto

Valentina Confuorto è videomaker e autrice. Ha vinto diversi concorsi letterari, pubblicando poesie e racconti in antologie e riviste; si è dedicata inoltre alla realizzazione di opere multimediali legate alla musica, arrivando finalista in concorsi nazionali e internazionali. Da alcuni anni scrive per il teatro; le sue opere sono andate in scena al Palazzo Ducale di Venezia, al Chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro di Milano e al Nuovo Teatro San Paolo di Roma.

Hai le mani appiccicose

e sei piena di perché

per vedere titubare

chi è tre volte più alto di te.

 

Hai sul viso qualche brufolo

tra le lacrime senza perché

odi il mondo e ami un cantante

e rispondi spesso ‘no’.

 

Poi diventi una bellezza

fai progetti in quantità

lui ti sembra quello giusto

non fa che pensare a te

ma qualcosa poi si spezza

vai in frantumi, annegherai?

 

Annaspando torni a galla

puoi fidarti oppure no?

Hai trovato un bel lavoro

il tuo fianco è ingentilito

la natura vince ancora e

 

accarezzi piano piano

una mano appiccicosa

alzi gli occhi e sbuffi un po’:

no, non sai perché

la luna è rossa, argento e poi non c’è.

 

Ti accovacci e guardi quel nano

tre volte più piccolo di te

gli dai un bacio, poi sospiri:

tu guardi la luna e lui guarda te.